mercoledì 19 marzo 2014

Abbiamo un ristorante!

La sala del Non solo crudo - Vinchio (AT)
Ci sono cose nella vita che capitano per caso, un giorno come tanti altri, a cui inizialmente non diamo importanza, ma poi rivoluzionano il proprio quotidiano. Capita con l'amore, per esempio: la prima volta che ho conosciuto il Maritino ero un'adolescente, ricordo il suo ciuffo biondo alla Brandon Walsh, il suo tipico cipiglio da ventenne, il marsupio bordeaux dell'Invicta – signori, è agghiacciantea! - e mai avrei immaginato che quel ragazzo sarebbe diventato mio marito e il padre delle mie figlie. Un incontro che ha rivoluzionato la mia esistenza.
Lasciando da parte il momento sole-cuore-amore, recentemente mi è capitata una cosa analoga, ma a livello lavorativo. In una domenica di sole siamo andati a pranzo con degli amici in un ristorante a Vinchio, un paesino al confine tra le Langhe e il Monferrato. Ecco, io già non avevo mai sentito nominare questo paese. Il “Non solo crudo” è in un vecchio casale degli inizi del '900, in mezzo ai vigneti e immerso tra le dolci colline: c'è un bel giardino con alberi, fiori e palmizi ed è stato rilassante poter lasciare i bambini fuori a giocare, mentre noi adulti ci godevamo il pranzo.
La sala è piccola – 35-40 coperti – con il caminetto acceso, i mattoni a vista, il pavimento in cotto originale; si lascia la giacca sul divano all'entrata, come succede a casa quando vengono gli amici. L'atmosfera è calda, accogliente, dalle finestre filtrano i raggi del sole che illuminano di riflessi i bicchieri di cristallo. Lo chef si chiama Ivano Mondo, un uomo che ha viaggiato, che nonostante la giovane età ha racconti ed esperienze da poter riempire un libro. E cucina bene, con amore, piatti della tradizione culinaria regionale con un'attenzione particolare alle materie prime. La carne è solo quella piemontese, molte verdure arrivano direttamente dall'orto della sua mamma che gli ha insegnato, oltre che le sue ricette, l'amore per il cibo e fa ancora un gelato alla crema strepitoso, utilizzando le uova delle galline della zona. Ecco, quando sono entrata al Non solo crudo, sono rimasta conquistata e ho pensato che quella è la tipologia di locale che un domani mi piacerebbe avere per cucinare per i miei ospiti, per coccolarli: un luogo intimo come un salotto di casa, dove poter cenare a lume di candela, ma anche dove fare festa con i propri amici.
Lo chef Ivano sa come appagare il palato dei propri clienti, ma è un uomo, e si sa, certe cose gli uomini non le vedono o non ci pensano. O meglio, magari ci arrivano, ma come dice Nanagrande “fa fatica”. Lo chef Ivano cercava proprio qualcuno che lo aiutasse ad occuparsi della comunicazione del ristorante, di accogliere i clienti con un sorriso, qualcuno che amasse il cibo e il vino come lui, qualcuno che lo sapesse aiutare anche in cucina – perché quando devi fare 3 kg di gnocchi, non ti passa proprio – qualcuno che curasse i dettagli e desse un tocco di femminilità. E indovina, indovinello, chi sarà quel qualcuno? Yeeeeeesssss! Sono proprio io! Parlapà! Parafrasando Consorte e Fassino con la banca, abbiamo un ristorante!
Quindi, da questa settimana, mi troverete al Non solo crudo, in Via Belveglio 29 a Vinchio (AT) e ne sentirete parlare a palla attraverso i social network. Ci saranno feste, cene a tema, corsi di cucina per adulti e bambini, ma sopratutto ci sarà sempre buon cibo e ottimo vino. Questo è il periodo più bello per una gita fuori porta nel weekend, per cui vi aspetto numerosi! Oltretutto Vinchio è a pochi minuti dall'uscita autostradale di Isola d'Asti (sulla Torino-Piacenza), per cui è anche comodo da raggiungere. Sono entusiasta di questo lavoro, ho già mille idee che mi frullano per la testa e so che, oltre ad aiutare lo chef Ivano, imparerò molto in una cucina professionale...e che “dovrò” provare tanti piatti – come dice Bastianich, tu sagggggiii? - e la mia dietologa non sarà così felice.
Allora oggi ancora un piatto light, ma che assaggiandolo non sembrerà di stare a dieta. Le seppie in umido sono semplici da fare, se cotte a dovere rimangono tenere e il sapore mediterraneo si sprigiona in bocca con il pomodoro, il basilico, il prezzemolo. Sono perfette con l'aggiunta di piselli o patate, ma per esigenze di dieta io le ho lasciate da sole, ma voi potrete arricchirle come vorrete.

A casa mia...auguri a tutti i papà!

Seppie in umido

8 commenti:

  1. Wow che emozione, un mega in bocca al lupo per questa nuova avventura! Spero di passare a trovarti presto ;)

    RispondiElimina
  2. In bocca al lupissimo, Marghe!! Che bello! Sono proprio felice per te...e forse Ivano non sa ancora (ma se ne accorgerà presto!) che ha acquistato un gran bel raggio di sole nel suo ristorante! :D

    RispondiElimina
  3. Molto felice...troppo...aspetto invito ufficiale...isoblogger funziona. funziona.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mancherà occasione! Isoblogger spacca! :-)

      Elimina
  4. In bocca al lupo... ma quel tocca di femminilità e stato io a farlo e la mia anima, e la mia sacrifici, anche tanti soldi mie! Quindi ricordati, che io, Caren ho stato la persone di creare la ambiente calda insieme con Ivano. Unica ragione che non sono li ancora e perché ho dovuto ritornare la mia mamma in i Stati Uniti. Spero che tutto per voi andranno bene con tanta fortuna. Preparativi a lavorare, perché per tenere un bel posto ci devi dare tutto di tutto! Ivano e un grande cuoco con tanta passione, pero ora tu devi dare da fare per diventare conosciuto e amata come lui! Lui rimanera sempre nel mio cuore e una persona un quale mi ha insegnato tanto su la storia di cucina in il regione di Piemonte. Ascolta bene le parole di lui e non prova mai di inventare l'idea che non sono semplice. Perche alla fina della giornata, lui vince sempre con gusto! Un abbraccio alle vostre ventura insieme!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caren, il tuo augurio è il più bello di tutti!

      Elimina